Accademia Militare Esercito: ecco come si svolge la vita in Accademia

Accademia Militare Esercito

Siete curiosi di scoprire come si svolge la vita nell’Accademia Militare Esercito? In questo articolo cercheremo di soddisfare la vostra curiosità e scoprire come trascorrono la loro giornata gli Allievi Ufficiali dell’Esercito Italiano

Molti giovani, terminato il loro percorso di studi nella scuola superiore e ottenuto un diploma, sognano di intraprendere la carriera militare. Mossi da una forte passione e dalla volontà di mettersi al servizio della propria Nazione, un numero crescente di ragazzi e ragazzi poco più che maggiorenni, decide di presentare domanda per arruolarsi, con il solo desiderio di entrare nell’Accademia Militare Esercito. Il loro sogno, però, spesso si infrange contro le difficoltà dell’iter concorsuale che presenta non poche complicazioni per quanti vogliono diventare Allievi Ufficiali dell’Accademia Militare Esercito. In moltissimi presentano domanda di partecipazione al Concorso per entrare in Accademia, ma solo in pochi riescono a vestire la divisa da Ufficiale. Ciò che maggiormente attira i giovani ad entrare in Accademia è la possibilità di continuare a formarsi e, al tempo stesso, avviarsi già verso una professione ricca di soddisfazioni. Una volta entrati in Accademia, infatti, gli Allievi Ufficiali dell’Esercito hanno la possibilità di continuare gli studi, continuando dunque la loro formazione culturale e, contemporaneamente, avviare la propria carriera militare.

Perché scegliere di entrare in Accademia Militare Esercito

Le motivazioni che spingono i ragazzi e le ragazze a tentare di entrare in Accademia Militare Esercito partecipando ai Concorsi di Selezione, sono due: la prima motivazione è rappresentata dalla necessità di uno sbocco lavorativo sicuro, divenuto oramai un miraggio per molti giovani di oggi, visto la crisi economica in cui da anni versa il nostro Paese e la crescente disoccupazione giovanile, il cui dato sale vertiginosamente anno dopo anno. La seconda motivazione, invece, come detto sopra, è la passione. Mossi da una grande desiderio di indossare la divisa, coloro che vogliono accedere nell’Accademia Militare Esercito sono ragazzi e ragazze motivati da un sincero amore per la propria Patria, giovani che sognano un futuro di grande successo, intraprendendo una professione rigorosa, altamente specialistica e, soprattutto, utile per l’intera comunità. Molti di questi giovani, inoltre, sono spinti ad intraprendere questa strada anche per risanare la crisi che ha colpito la nostra società; questa volta, però, non si tratta della crisi economica di cui parlavamo prima, bensì di una crisi socio-culturale, una crisi di valori e di identità che – a detta di alcuni – potrebbe essere recuperata grazie al rigido tenore di vita accademico. Difatti, i giovani che, pieni di speranze, vogliono intraprendere una carriera militare di successo, sanno bene che gli anni che trascorreranno in Accademia saranno caratterizzati da grandi sacrifici, tra libri, studio, sport e vita militare. Vediamo dunque di capire come si svolge, nel quotidiano, la vita degli Allievi Ufficiali che, superato il Concorso di Selezione, riescono ad entrare nell’Accademia Militare Esercito.

Accademia Militare Esercito: ecco come si svolge la vita in Accademia

Innanzitutto, è giusto precisare che le regole di vita in Accademia sono diversificate a seconda della classe/corso che si frequenta. In linea di massima, però, l’attività quotidiana degli Allievi Ufficiali dell’Accademia Militare Esercito si articola secondo questi orari:

Come possiamo notare dalla tabella, la ‘giornata tipo’ di ogni Allievo Ufficiale dell’Accademia Militare Esercito è piuttosto fitta. A questo lungo elenco, al fine di integrare e completare gli insegnamenti impartiti nel corso delle lezioni previste dai piani di studio, si devono aggiungere numerose attività culturali in Accademia e al di fuori di essa (conferenze, convegni, seminari ecc.), nonché eventi mondani, di rappresentanza e sportivi a cui gli Allievi devono partecipare.

Vediamo però più nello specifico quelli che sono i percorsi formativi e i programmi di studio in cui vengono inseriti i vincitori del Concorso Allievi Accademia Militare Esercito.

I percorsi formativi dell’Accademia Militare Esercito, per semplificare, sono organizzati e divisi a seconda della durata. Si hanno, quindi:

Corsi di durata biennale (i cui studi proseguono fino al conseguimento della laurea presso le Scuole di Applicazione di Torino e Roma):

  • Varie Armi dell’Esercito;
  • Arma dei ​Trasporti e Materiali;
  • Corpo di Commissariato;

Corsi di durata triennale:

  • Corpo degli Ingegneri (con conseguimento della laurea di I livello in Ingegneria e prosecuzione per un ulteriore biennio, fino alla laurea specialistica di II livello, presso la Scuola di Applicazione e Istituto di Studi Militari di Torino).

Corsi di durata quinquennale:

  • conseguimento della laurea in Veterinaria, Chimica e Tecnologie Farmaceutiche.

Corsi di durata sessennale:

  • conseguimento della laurea in Medicina e Chirurgia.

Corsi per Ufficiali a nomina diretta:

  • Corpo di Commissariato;
  • Corpo di Sanità;
  • Corpo degli Ingegneri.

Tutti coloro che frequentano l’Accademia Militare Esercito devono necessariamente acquisire delle nozioni di Etica Militare e Arte del Comando, lezioni che si sommano a quelle viste sopra, utili agli Allievi Ufficiali per render propri i valori che caratterizzano la condizione militare ispirando i corretti modelli di comportamento (attaccamento alle istituzioni, spirito di servizio, senso dell’onore ecc.), oltre che per sviluppare le capacità indispensabili ad ogni comandante per gestire e amministrare al meglio le risorse umane, materiali e finanziarie disponibili.

Tra le altre attività svolte dagli Allievi dell’Accademia Militare Esercito, quelle Ginnico-Sportive servono a sviluppare capacità, forma fisica e carattere in discipline di base (ginnastica, difesa personale, nuoto, equitazione, tiro sportivo, MCM), cui si aggiungono alcune attività opzionali (pallacanestro, pallavolo, scherma, atletica leggera, boxe, judo, equitazione, tiro sportivo). Coloro che in queste attività si distinguono, classificandosi tra i migliori elementi, vengono selezionati per far parte del Gruppo Sportivo dell’Accademia Militare.

Accademia Militare Esercito: in cosa consiste l’addestramento militare

Naturalmente, a tutta l’attività finora descritta, si aggiunge il quotidiano addestramento militare, che inizia col Tirocinio e prosegue per i due Anni Accademici. Le attività addestrative, sviluppate in maniera diversa in funzione dell’Arma o Corpo di appartenenza degli Allievi, prevedono lo svolgimento di settimane tattiche e di specifici Moduli tecnico-professionali come tiri con armi portatili e di reparto, addestramento individuale al combattimento, lavori sul campo di battaglia, orienteering. Due sono gli obiettivi addestrativi che gli Allievi devono raggiungere:

1° anno – Abilitazione dell’Allievo Ufficiale quale Comandante di Squadra, prevede:

  • 1^ fase (4 settimane) volta alla formazione del Comandante di squadra;
  • 2^ fase (4 settimane) finalizzata alla formazione del combattente in ambienti particolari (in montagna, aree boschive e centri abitati);
  • abilitazione al lancio con il paracadute (4 settimane) presso il Centro di Addestramento di Paracadutismo (CAPAR) di Pisa;
  • corso di lingua inglese frontale e corso di scuola guida.

2° anno – Abilitazione dell’Allievo Ufficiale quale Comandante di pattuglia, prevede:

  • corso di “Pattugliatore Scelto”
  • esercitazione di pattuglia a partiti contrapposti (luglio), come verifica finale della preparazione tecnico-professionale raggiunta dagli Allievi al termine dei 2 anni trascorsi a Modena.

L’attività svolta in Accademia Militare Esercito riesce a formare un giovane a 360 gradi ed avviarlo verso una brillante carriera militare. In Accademia, infatti, gli Allievi Ufficiali imparano la disciplina, continuano la loro formazione culturale acquisendo una laurea, imparano inoltre a confrontarsi, ad avere rispetto del proprio corpo con un’intensa attività fisica, a rapportarsi con i compagni, con le istituzioni, con i superiori. I valori trasmette dalla vita in Accademia Militare Esercito rimangono impressi e sempre vivi nello spirito di chi la frequenta, anche a distanza di molti anni.

Per ricevere maggiori info, contattaci subito, un incaricato della Nissolino Corsi ti risponderà il prima possibile.

12 Commenti su Accademia Militare Esercito: ecco come si svolge la vita in Accademia

  1. Ciao scusatemi, io ho 14 anni e vorrei entrare nella scuola Militare perché poi vorrei diventare poliziotta, ho visto che serve ho il liceo classico o scientifico, se io faccio prima due anni di biotecnologie sanitarie poi posso entrare lo stesso nella scuola Militare?

    • Salve Aurora, non è necessario frequentare i primi due anni nel liceo classico o scientifico. Per il concorso, però, è necessario avere un’ottima preparazione su tutto il programma del biennio del liceo classico o del liceo scientifico poichè le prove culturali del concorso verteranno su quello.

    • Salve Daniela, per partecipare al Concorso Allievi Ufficiali Accademia Esercito non è necessario avere una maturità classica o scientifica. Possono partecipare i candidati, tra i 17 e i 22 anni non compiuti, in possesso di un qualsiasi diploma quinquennale.

  2. Buongiorno, scusate il disturbo. Ho 20 e sto facendo il concorso come allievo Maresciallo dell’esercito. Se divento Maresciallo posso frequentare lo stesso l’Accademia di Modena per diventare ufficiale. E se si fino a quanti anni si può?

    • Salve Andrea per frequentare l’Accademia di Modena dovresti partecipare al Concorso Allievi Ufficiali Accademia Esercito da civile. In ogni caso, qualora tu diventassi Maresciallo, hai sempre la possibilità di fare carriera e diventare Ufficiale con i Concorsi Interni.

      • Salve, vorrei chiedere un’informazione. Ho quasi 21 anni ed attendo gli esiti per il concorso VFP1, ma mi piacerebbe successivamente intraprendere il percorso accademico, anche perché ho un diploma scientifico e mi piacerebbe diventare ingegnere. Nel caso superassi la selezione per VFP1, e trascorressi l’anno svolgendo il relativo addestramento, il limite per accedere all’accademia sarebbe elevato a 25 anni? Perché avevo letto che ove si fosse militari il limite temporale si eleverebbe di 3 anni rispetto a quello standard e mi chiedevo se anche questo tipo di esperienza ,come VFP1, consentisse questa elevazione del termine. Ringrazio moltissimo per la disponibilità

        • Salve Francesco, come riportato nei bandi di concorso per entrare in Accademia, “il limite massimo di età (22 anni non compiuti) è elevato di un periodo pari all’effettivo servizio militare prestato, comunque non superiore a tre anni, per coloro che prestano o hanno prestato servizio militare nelle Forze Armate”.

    • Salve Martina, il percorso di studi e addestramento all’interno dell’Accademia Militare dura 5 anni, al termine dei quali gli Allievi conseguono una laurea specialistica/magistrale e il grado di Ufficiale.

  3. Buongiorno ,ho 17 anni e sto facendo una scuola alberghiera ,sono al secondo anno ,posso accedere alla scuola Allievi carabinieri?

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.