Come entrare nella Brigata Paracadutisti Folgore: ecco come diventare paracadutista dell’Esercito

Come entrare nella Brigata Paracadutisti Folgore come diventare paracadutista esercito

Vuoi sapere come diventare paracadutista dell’Esercito e come entrare nella Brigata Paracadutisti Folgore? In questo post troverai tutte le informazioni che stai cercando.

Molti nostri lettori interessati ad arruolarsi e a cominciare la loro carriera militare, ci hanno chiesto come entrare nella Brigata Paracadutisti Folgore. Per questo motivo abbiamo deciso di pubblicare questo post in cui spiegheremo in maniera dettagliata come si diventa paracadutista dell’Esercito Italiano.


INDICE
– Cos’è la Brigata Paracadutisti Folgore
– Come entrare nella Brigata Paracadutisti Folgore con il grado di Volontario
– Come entrare nella Brigata Paracadutisti Folgore con il grado di Maresciallo o Ufficiale


​​​​​​Cos’è la Brigata Paracadutisti Folgore

Prima di capire come entrare nella Brigata Paracadutisti Folgore e vedere quali ruoli e gradi bisogna ricoprire per poter diventare paracadutista dell’Esercito Italiano, capiamo cos’è la Brigata Paracadutisti Folgore e quale compito ha questa all’interno dell’Esercito.

La Brigata Paracadutisti “Folgore” è una delle Grandi Unità che la Forza Armata annovera fra le sue forze di proiezione. Costituita da reggimenti composti da Volontari in Ferma Prefissata, Breve o Servizio Permanente, in virtù del particolare addestramento cui si sottopone il suo personale, rappresenta una forza di fanteria leggera sempre disponibile per l’impiego. Dislocata in Toscana, Lazio e Veneto, si compone di un Reparto Comando e Supporto, tre reggimenti d’arma base, un reggimento di artiglieria, un reggimento di cavalleria di linea, un reggimento genio guastatori ed un reggimento logistico​. Nella brigata è inquadrato anche il Centro Addestramento di Paracadutismo, unità presso la quale vengono rilasciate le qualifiche di paracadutista militare a tutto il personale che presta servizio presso le aviotruppe dell’Esercito o di altre Forze Armate.

La Brigata paracadutisti Folgore è l’unica grande unità aviotrasportata dell’Esercito Italiano, posta alle dipendenze del Comando delle forze operative terrestri. Istituita il 1° gennaio 1963 a Pisa, per trasformazione del preesistente Centro Militare di Paracadutismo, la Brigata ha il suo quartier generale a Livorno ed è dislocata, come già detto, con la maggior parte dei suoi reparti in Toscana (Siena, Pisa, Grosseto, Pistoia) con l’8° Reggimento guastatori paracadutisti a Legnago e con il 185° Reggimento artiglieria paracadutisti a Bracciano.

Come accade anche per le altre specialità e specializzazioni dell’Esercito Italiano, lo abbiamo visto anche per i Carristi, per fare l’Ufficiale della Brigata Paracadutisti Folgore è necessario partecipare al concorso per Allievi Ufficiali che dà accesso all’Accademia Mil​itare di Modena. Per diventare Maresciallo della Brigata Paracadutisti Folgore ​è necessario invece partecipare al Concorso per Allievi Marescialli dell’Esercito e seguire il corso di formazione presso la Scuola Sottufficiali dell’Esercito di Viterbo​​. Anche i Volontari in Ferma Prefissata, a loro volta, hanno la possibilità di diventare paracadutisti dell’Esercito ed entrare nella Brigata Paracadutisti Folgore. Vediamo dunque qual è l’iter per entrare in questa prestigiosa unità dell’Esercito Italiano.

​​​​​​Come entrare nella Brigata Paracadutisti Folgore con il grado di Volontario

Per entrare nella Brigata Paracadutisti Folgore con il grado di Volontario è necessario, manco a dirlo, diventare Volontario in Ferma Prefissata dell’Esercito Italiano, partecipando ai Concorsi di Selezione. La prima cosa che bisogna fare, dunque, per poter entrare nella Brigata paracadutisti Folgore, consiste nell’arruolarsi nell’Esercito Italiano. Per fare ciò bisogna innanzitutto superare il Concorso per diventare Volontario in Ferma Prefissata di un anno (VFP1). Dopo aver superato il concorso, si diventa VFP1 per un anno e poi si può accedere al Concorso per poter diventare VFP4. Infatti, può accedere al concorso per VFP4 soltanto chi è stato Volontario in Ferma Prefissata per un anno (VFP1), oppure chi ricopre tale qualifica da almeno 9 mesi (talvolta anche 6 mesi), fermo restando il possesso di determinati requisiti che trovate elencate nella Scheda Requisiti Concorso VFP4 Esercito. Come in ogni Concorso di Selezione, è necessario superare un iter concorsuale che prevede: una prova di selezione culturale, logico-deduttivo e professionale, l’accertamento della conoscenza della lingua inglese, le prove di efficienza fisica, gli accertamenti sanitari e psico-attitudinali. I punteggi ottenuti nelle prove elencate vengono sommati ai punteggi incrementali che ogni concorrente può acquisire con i titoli di merito e i brevetti che deve presentare assieme alla domanda di partecipazione e che devono essere in possesso di ogni candidato entro il termine ultimo di scadenza del bando di concorso.

I vincitori del Concorso hanno la possibilità di esprimere la propria preferenza per il Corpo di destinazione, in questo caso possono esprimere la loro aspirazione ad entrare nella Brigata Paracadutisti Folgore. In questa fase, per entrare nella Brigata Folgore, gli aspiranti paracadutisti vengono sottoposti ad ulteriori prove di efficienza fisica per valutare le loro capacità fisiche nell’affrontare la durezza dell’addestramento e del successivo impiego in questa unità. Tutti gli aspiranti paracadutisti devono eseguire le seguenti prove: almeno cinque trazioni alla sbarra, almeno dieci piegamenti sulle braccia con schiaffo mani e piedi, almeno cinque trazioni alle parallele, almeno dieci piegamenti addominali e infine la corsa piana di 1500 metri nel tempo massimo di sei minuti. Successivamente, i candidati idonei sono sottoposti ad ulteriori accertamenti sanitari per stabilirne l’idoneità a diventare paracadutista dell’Esercito Italiano. In seguito vengono assegnati al Centro Addestramento di Paracadutismo CAPAR (ex SMIPAR) di Pisa per il conseguimento del Brevetto Militare di Paracadutismo, dove devono frequentare un corso di formazione della durata di circa quaranta giorni, a conclusione del quale vengono effettuati lanci per conseguire il brevetto. Durante il corso i militari imparano ad affrontare ogni dettaglio della vita di un Parà (come spesso vengono chiamati in gergo i Paracadutisti dell’Esercito), da come si affardella uno zaino, fino alle procedure per la cura di armi e materiali, lo studio della topografia sino ai livelli più tecnici, segnalazioni, comportamenti tattici, difesa personale e tanto altro; insomma, una formazione a tutto tondo per abituarsi progressivamente alla fatica fisica e mentale. Ogni frequentatore del corso per diventare paracadutisti dell’Esercito viene sottoposto a test verbali e scritti (spesso a sorpresa), con cadenza giornaliera, settimanale e alla fine del corso. Per ognuno di loro viene tenuta una scheda valutativa che ne registra i progressi, per individuare i loro punti di merito che i formatori, in seguito, provvedono a segnalare ai loro Comandanti, affinchè possano impiegarli secondo le loro capacità ed attitudini. I militari che superano con successo il corso, vengono assegnati ad uno dei Reggimenti della Brigata Folgore, dove concludono l’addestramento con ulteriori specializzazioni.

​​​​​​Come entrare nella Brigata Paracadutisti Folgore con il grado di Maresciallo o Ufficiale

Per entrare nella Brigata Paracadutisti Folgore con il grado di Maresciallo o Ufficiale è necessario partecipare Concorsi di Selezione che danno accesso a quei ruoli all’interno dell’Esercito Italiano. Come per ogni Concorso di Selezione per l’arruolamento nell’Esercito Italiano, per parteciparvi è necessario che i concorrenti rispondano a determinati requisiti anagrafici, socio-culturali e psico-fisici che potete consultare nella Scheda Requisiti Concorso Maresciallo Esercito e nella Scheda Requisiti Concorso Ufficiali Esercito. I vincitori del Concorso, ovvero coloro che superano con successo tutte le prove previste nell’iter concorsuale classificandosi in posti utili nella graduatoria finale, sono chiamati a frequentare, nel caso del Concorso Marescialli, il corso di formazione presso la Scuola Sottufficiali dell’Esercito di Viterbo, nel caso del Concorso Ufficiali, il corso di formazione presso l’Accademia Militare di Modena.

All’atto dell’arruolamento, i vincitori dei concorsi vengono assegnati ad una delle specializzazioni previste dall’Amministrazione, in relazione alle prioritarie esigenze dell’Esercito Italiano e tenuto conto anche della preferenza espressa da ogni singolo candidato. I vincitori del Concorso, infatti, hanno la possibilità di esprimere la propria preferenza per il Corpo di destinazione, ovvero possono dichiarare di voler entrare nella Brigata Paracadusti Folgore. Durante il corso di formazione all’interno della Scuola Sottufficiali, così come quello all’interno dell’Accademia Militare, gli Allievi Marescialli e gli Allievi Ufficiali, tra le loro varie attività addestrative, devono affrontare anche quelle propedeutiche al conseguimento dell’abilitazione al lancio con il paracadute. L’ attività rientra nel normale iter addestrativo sia degli Allievi Marescialli, sia degli Allievi Ufficiali. Questi frequentano un ciclo di addestramento fuori sede, ovvero un corso di formazione presso il Centro Addestramento di Paracadutismo di Pisa, simile a quello degli altri Parà (VFP4 di cui abbiamo parlato sopra), affrontando le stesse prove fisiche e preparazione, con una sola differenza relativa all’addestramento del lancio con arma e zaino (questo li qualificherebbe come parà militari). I frequentatori della Scuola Sottufficiali e dell’Accademia Militare, nel loro iter formativo, fanno solo 3 lanci “nudi” (nel gergo significa solo con il paracadute e l’ausiliare). In questo modo si guadagnano le ali senza stella, ovvero l’abilitazione al lancio. In seguito, coloro che decideranno di fare domanda per entrare nella Brigata Paracadutisti Folgore, quando saranno assegnati, faranno un breve ricondizionamento a Pisa e faranno i restanti lanci con arma e zaino, guadagnando la stella.

Per ricevere maggiori info, contattaci subito, un incaricato della Nissolino Corsi ti risponderà il prima possibile.

14 Commenti su Come entrare nella Brigata Paracadutisti Folgore: ecco come diventare paracadutista dell’Esercito

    • Ciao Michele, nell’articolo trovi tutte le informazioni in merito all’iter per conseguire il brevetto paracadutisti con la Brigata Folgore

      • Ho appena visto un video ricevuto da amici ed ex paracadutisti folgore su watsapp.
        Illustrava un modo per ritornare IN FOLGORE DA EX PARACADUTISTA.
        COME È POSSIBILE FARE QUESTO?
        Vorrei avere delucidazioni in merito; se gentilmente la Signoria Vostra illustrasse l’ ITER in merito ne sarei grato.
        “CHE LA TERRA VI SIA LIEVE”

        • Salve Marco, tutte le informazioni in nostro possesso in merito all’iter per entrare nella Brigata Paracadutisti Folgore sono contenute in questo articolo.

  1. Mio figlio Carlo sosterrà l’esame di terza media a giugno. Abbiamo fatto la preiscrizione all’Istituto Agraria. Oggi ci ha detto di voler seguire la vita militare, nello specifico la vita della Folgore.
    Vorrei sapere se c’è una scuola per ragazzi così giovani.
    Grazie, Maria Antonietta

  2. Salve mi chiamo Mattia Todisco e ho 14 anni. Io mi sono iscritto alle scuole superiori (informatica e telecomunicazioni) che inizierò a settembre ma vorrei entrare a far parte del corpo dei paracadutisti. Come posso fare?

    Un saluto Mattia

    • Salve Mattia, avendo solo 14 anni sei ancora troppo piccolo per partecipare ai Concorsi di selezione per entrare nell’Esercito (ed in seguito nel reggimento paracadutisti). In ogni caso, se vuoi cominciare a prepararti per la vita militare, potresti partecipare al Concorso per diventare Cadetto della Scuola Militare dell’Esercito. Ti ricordiamo, inoltre, che i frequentatori delle Scuole Militari hanno dei posti riservati nei bandi di concorso.

  3. Salve, mio figlio è risultato non idoneo a VFP1 per una insufficienza valvolare mitralica, ma a detta della dottoressa dove abbiamo fatto gli esami era una cosa molto lieve. Può tentare di nuovo il concorso io è inutile? Grazie

    • Salve Enrico, non ci sono impedimenti al fatto che tuo figlio possa riprovare a partecipare al Concorso ma tieni presente che, se è stato scartato una volta a causa di un problema fisico permanente, molto probabilmente potrebbe riaccadere.

    • Salve Francesco, in questo articolo trovi tutte le informazioni per muovere i primi passi ed avvicinarsi a questo reparto dell’Esercito

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.